Legge Gelmini contro i Baroni e per gli studenti?.

Ricevo e pubblico un estratto della lettera che alcuni prof. dell’università di Parma inviano ai politici.

“Le dimostrazioni di piazza di questi giorni, bollate come al solito e superficialmente come vecchie e sciocche, sono frutto del desiderio di farsi sentire da un governo e un ministro che in questi mesi, a testa bassa, si sono nascosti dietro formali audizioni con le parti senza pero’ ascoltare davvero.

Perche’ in realta’ non c’e’ interesse a migliorare davvero la nostra universita’. Sarebbe troppo lungo elencare e motivare qui tutte le ragioni di questa mia convinzione, che poi e’ di tanti. Sarebbero appunto necessari degli incontri seri di approfondimento per questo, ma alcuni quesiti glieli voglio lasciare sperando che insinuino in Lei qualche ragionevole dubbio.

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ contro i baroni e sono proprio questi che non stanno protestando?

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ contro i baroni e proprio lei ha voluto che le commissioni per i concorsi fossero composte solo da ordinari? Non mi risulta che le baronìe alberghino tra professori associati e ricercatori.

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL modernizza l’universita’ italiana e poi la sommerge di norme e regole che la soffocheranno nella burocrazia?

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ per gli studenti e poi elimina il reddito come parametro per l’attribuzione delle borse di studio?

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ per gli studenti e poi, con il blocco sostanziale del turnover, peggiora il rapporto studenti/docenti che gia’ e’ piu’ alto della media OCSE?

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ per le nuove generazioni e poi rende cosi’ incerto il cammino per i futuri ricercatori e professori che molti, giustamente, preferiranno andare in altri Paesi?

Perche’ la Gelmini dice che il suo DDL e’ a favore dei giovani e penalizza, sia per stipendi che per speranze di carriera, proprio gli attuali ricercatori dove si colloca la maggior parte dei giovani attualmente al lavoro nei nostri atenei?

Perche’ la Gelmini dice che ci sono i fondi e invece il bilancio, tra i tagli gia’ previsti e il rifinanziamento di 800 milioni, porta ancora ad un netto di -300 milioni per cui sara’ appena sufficiente pagare gli stipendi e non certo reclutare nuovi ricercatori e promuovere gli attuali che se lo meritano?

Perche’ la Gelmini dice di volere il bene dell’universita’ pubblica e poi apre la strada a E-Campus di CEPU, portando lo stesso on. Barbareschi a dire alla Camera che “simili decisioni finiscono per portare al rimbecillimento”?

Bloccate il DDL (politici ndr) e con serenita’, lucidita’ e competenza prepariamo (tutti ndr) una vera riforma senza consultare i soliti baroni, piu’ pratici di aule parlamentari che di aule universitarie, di pagine di giornale che di pagine di testi scientifici.

Spero di potere contare sulla Sua riflessione approfondita. Cordialmente saluto.”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...